Come si usano gli oli essenziali

Gli oli essenziali possono essere usati in tre diversi modi: uso aromatico (attraverso un diffusore automatico, per inalazione diretta,…), uso topico (applicazione diretta, riflessologia plantare, massaggio,…) e uso interno. Importante da sapere su questi preziosi oli è che di qualsiasi provenienza essi siano, vanno direttamente all’interno delle cellule del nostro corpo; per questo motivo è sempre un bene sapere da dove gli oli essenziali provengono! Usare gli oli essenziali è molto semplice, ma all’inizio è bene fare affidamento su qualcuno che già li conosce e li usa: sono infatti naturalmente sicuri se usati come da istruzioni, hanno pochi effetti indesiderati  – se non nessuno – ma hanno una concentrazione molto forte e pertanto vanno maneggiati con cura. Sulla potenza è utile sapere che una goccia di peppermint equivale a 28 tazze di the alla menta! Il motto che preferisco usare quando spiego l’utilizzo degli oli essenziali è “poco, ma spesso”, infatti non è giusto pensare che se si usano 20 gocce di un olio essenziale il suo effetto sarà maggiore, anzi… meglio una/due gocce ogni due ore: provare per credere!

Prima di lanciarsi nel magnifico mondo degli oli essenziali assicuratevi che essi siano puri e di grado terapeutico, nonché di seguire tutte le avvertenze e le istruzioni sull’etichetta. Ricordatevi che gli oli essenziali non devono mai essere utilizzati negli occhi, nel naso e nel canale uditivo; e se siete alla prima esperienza diluite sempre gli oli essenziali con un olio vettore (come olio frazionato di cocco, jojoba, mandorle,… l’importante è che sia naturale). Consultate sempre il medico prima di usare gli oli essenziali in caso di gravidanza o di terapia medica in corso.

error: Content is protected !!