Metodi di estrazione

La distillazione è scienza e arte: un processo di distillazione scadente può alterare o distruggere i composti aromatici necessari che compongono l’olio essenziale, lasciando una sostanza molto diversa dall’obiettivo previsto e qualcosa che non si sarebbe utilizzato per sostenere la salute e il benessere. Per questo motivo i migliori artigiani di distillazione dedicano i loro sforzi a poche piante selezionate, sviluppando una conoscenza e un’esperienza adeguata che contribuisce a garantire la composizione e l’efficacia dell’estratto ideale.

 

Gli oli essenziali di grado terapeutico vengono estratti per lo più tramite la distillazione in corrente di vapore, ossia un processo a bassa temperatura durante il quale il vapore viene fatto circolare sotto pressione attraverso il materiale vegetale, al fine di far confluire gli oli essenziali nel vapore stesso. Man mano che la miscela di vapore si raffredda, l’acqua e gli oli vengono separati e l’olio viene raccolto nella sua forma più pura. Per assicurare la più alta qualità dell’estratto oleoso di una corretta composizione chimica, la temperatura e la pressione devono essere monitorate scrupolosamente. Livelli troppo bassi di temperatura e pressione non producono il rilascio dell’olio pregiato; allo stesso modo, livelli troppo alti delle stesse possono provocare la frattura della delicata composizione chimica di un estratto e alterarne efficacia. Non meno importante per il processo di estrazione attentamente controllato è la meticolosa selezione delle specie vegetali corrette e delle parti della pianta raccolte al momento giusto, ossia quando vi è una maggiore concentrazione dei loro composti di olio essenziale; tale operazione è altresì necessaria se si vuole ottenere un estratto di oli essenziali di grado terapeutico di alta qualità. Questo processo complesso è considerabile tanto una forma d’arte, quanto una scienza, e pertanto richiede la collaborazione tra coltivatori e distillatori qualificati, al fine di garantire un prodotto superiore.

 

A differenza della distillazione a vapore, l’espressione, a volte indicata come “pressata a freddo”, non coinvolge calore. In questo processo, l’olio viene estratto dal prodotto sotto pressione meccanica: questo metodo di estrazione si usa per tutti gli oli di agrumi, come l’arancio selvatico, il limone, la calce, il bergamotto e il pompelmo.

 

(tratto dal sito doterra.com)

 

error: Content is protected !!